Home Come comprare/vendere una barca Come ridurre al minimo i costi di manutenzione annuale della propria barca ?

Come ridurre al minimo i costi di manutenzione annuale della propria barca ?

da Etienne Barillot
homme qui entretien son bateau

Una barca da diporto è un buco nell’acqua in cui gettare il denaro… Questo vecchio scherzo del molo è un po’ oltraggiato e non proprio veritiero! Tuttavia, i costi di manutenzione per l’utilizzo di un’imbarcazione non si limitano all’acquisto della stessa. Ecco come stimare questo costo medio annuo per la manutenzione della propria imbarcazione e, ove possibile, ridurlo.

Anche se il possesso di una barca non è più considerato un “simbolo di benessere”, è comunque costosa da usare e da mantenere. I costi annuali per la manutenzione della barca possono essere fissi, come le tasse di franchigia/navigazione, ma altri come il carburante o le tasse di ormeggio dipendono in gran parte dal ritmo di navigazione e dalle acque frequentate. È consuetudine affermare che il costo di gestione e manutenzione di un’imbarcazione da diporto è pari al 10% del prezzo di acquisto di un’imbarcazione nuova.
Questa cifra è vicina alla verità per un “proprietario di barca da diporto”, ma può essere notevolmente ridotta a seconda delle scelte che si fanno, dell’attenzione che si presta alla propria barca, e soprattutto se non si è riluttanti a mettere le mani in pasta o nella vernice.

Il costo della manutenzione inizia con i costi fissi

Troppo spesso le spese di manutenzione delle imbarcazioni sono considerate costi fissi. Alcuni lo sono, come le tasse di francizzazione che si applicano alle imbarcazioni di oltre 7 metri e ai motori di oltre 22 cavalli, o le tasse di navigazione in alcuni paesi, ma altre possono essere controllate, come i premi assicurativi, per i quali vale la pena confrontare le tariffe e i servizi proposti dalle diverse compagnie assicurative!

Un altro posto importante è l’ormeggio, ma anche qui ci sono grandi disparità nelle tariffe cha variano da un posto all’altro per lo stesso servizio. Per limitare questa posizione, è possibile, durante la stagione, dare la preferenza agli ormeggi rispetto ai porti turistici, o durante l’inverno, optare per soluzioni più economiche come il deadheading, il parcheggio a secco, o semplicemente trascorrere l’inverno in un porto meno affollato perché un po’ remoto in un estuario. Tutte queste precauzioni permettono di ridurre notevolmente il conto senza perdere né la sicurezza, né il piacere.

I costi di utilizzo della vostra barca

Non tutti affidiamo la nostra propulsione a Eolo e in questo caso la bolletta del carburante può salire molto rapidamente! Conosciamo l’influenza di un buon controllo dell’acceleratore sul consumo di carburante, ma i risultati possono essere molto variabili a seconda della coppia scafo-motore.

Sta a voi imparare dall’esperienza fino a quale velocità il vostro motore è più efficiente e quale velocità offre il miglior compromesso tra comfort, rumore e consumo di carburante. Questa ricerca di maggiore efficienza avrà senza dubbio un’influenza positiva sul portafoglio. Estenderà la tua autonomia limitando l’impatto sull’ambiente. Vela o motore, un uso ragionato dell’attrezzatura ne aumenterà notevolmente la durata. Ad esempio, sciacquare accuratamente le vele e proteggerle dalla sabbia e dai raggi UV può ritardare notevolmente la loro sostituzione.

Sostituzione e revisione

Il rinnovo e le revisioni periodiche delle attrezzature di sicurezza si aggiungono all’elenco delle fatture annuali di manutenzione delle imbarcazioni da pagare, e qui impossibile risparmiare: zattere di salvataggio, cartucce e capsule per gommoni, ma anche luci e fusibili o revisione degli estintori sono tutti aspetti imperativi, e la maggior parte di essi può essere effettuata solo da professionisti qualificati.

Queste spese sono facilmente programmabili, ma se ne possono prevedere altre, che incidono anche sulla sicurezza, come la sostituzione del sigillo su una guida a vela o, dopo circa dieci anni, la sostituzione del sartiame permanente. Qui si parla solo di manutenzione, ma sarebbe prudente non trascurare il rischio di imponderabilità o mancanza di abilità, come la perdita di un ormeggio o l’annegamento prematuro di un motore di un gommone…

Costi di manutenzione dell’imbarcazione

Con poche eccezioni, le nostre imbarcazioni rimangono relativamente semplici e pochissime operazioni di routine richiedono un alto livello di competenza tecnica.
Con un po’ di disponibilità, è abbastanza facile imparare i gesti essenziali per effettuare una carenatura, una pittura subacquea o per prendersi cura personalmente dell’invernaggio e di molti piccoli controlli e riparazioni.
Ad esempio, i motori in-board che equipaggiano le nostre barche a vela sono di base meccanici ed è ancora più semplice imparare a eseguire le operazioni di manutenzione, poiché si ha a disposizione un solo modello da memorizzare e la maggior parte dei produttori di motori offre corsi di meccanica che permettono a tutti di familiarizzarsi con le operazioni di manutenzione.

Facendo alcune di queste operazioni da soli, avrete la doppia soddisfazione di conoscere meglio la propria barca e di limitarne i costi di manutenzione annuale.

Scopri i nostri ultimi annunci di barche di seconda mano e nuove su Band of Boats!
L’articolo è stato scritto da Olivier Chauvin.

homme qui peint son bateau

Articles liés